Ginkgo 2

Ancora due parole sulla pianta della stagione. Rieccomi ai giardini Cavour, seduta sulle panchine umide, con quel bell’effetto bagnaticcio quando ti alzi, illuminata dal sole del mezzodì, immersa in uno spy made in U.S.A, perché non sono riuscita a trovare l’ultimo volume della Recherche (devo finirlo da anni…) davanti a me ho visto sfilare, e rimirare e fotografare e commentare in svariate lingue il miracolo giallo del Gingko biloba dalle foglie a ventaglio. Ancora qualche fotografia: perdonate ma il mio cellulare, neanche mio in realtà bensì datomi in prestito, è un modello antico e fa quello che può. Ho scoperto […]

Share

Esplosione di colore!

Se abitate a Torino come me prendetevi cinque minuti e passate da piazza Cavour. Ai giardini vi aspetta un’esplosione gialla da togliere il fiato. E’ il Ginkgo biloba. Il giallo è intenso, avvolgente, scalda le mani, gli occhi, e il cuore. Questa è una foto che ho scattato  l’anno scorso ma che non rende giustizia alla sua bellezza.                       Ed eccovi una mia  Diramazione dedicata alla magica pianta. Mi sono spinto fino ai giardini Cavour, e lì, nel pomeriggio ancora dolce, un sacchetto alla mano, ho iniziato a raccoglierle. Il […]

Share

Incontri

La bellezza degli incontri… Seduta sul bus, concentrata sul mio hard boiled, e una ragazza mi si avvicina chiedendomi cosa sto leggendo. Subito mi vergongo di non avere un Proust, un Dostoevskij qualcosa di più consistente insomma, ma poi i suoi occhi, di una lucentezza estrema, mi rassicurano. “E’ un giallo, lettura ideale sul pulman”. “Ma di quelli dove c’è un morto, e l’investigatore?” “Proprio loro, sì.” Mi viene vicino e parliamo. Lei è di una bellezza raggiante, sporca, impolverata, le mani nere, due maglie di lana annodate in vita, sul sedile una borsa di plastica traboccante che sposta per […]

Share

Al principio era l’emozione

Au commencement était l’émotion. Vorrei inaugurare la nascita di Bevimi con questa bella citazione. E’ di uno dei più discussi autori del novecento, Louis-Ferdinand Céline. Lui, lo conosco abbastanza bene. Per la mia tesi di laurea ho letto tutto quello che sono riuscita a trovare, compresi gli introvabili, ossia i famigerati pamphlets, e li ho letti nella Biblioteca Sainte-Geneviève, voluttuoso luogo in cui oltre a leggere viene un sacro desiderio di fare all’amore tanto l’atmosfera è calda, il legno profumato, con le verdi lampade art déco a diffondere tutt’intorno una luce dolcissima. La frase compare in un’intervista a Céline del […]

Share

Crêpes mouillées

Piove, diluvia, a scrosci, inondando il dehors nel quale siamo sedute. E piove anche nella boccia di vetro trasparente dove galleggiano indifferenti dei piccoli garofani rosa e rossi, screziati. Dai loro petali stilla l’acqua. Acqua su acqua dentro acqua. Brillantezza della luce serale. La gente si alza dai tavoli, per ripararsi, per scappare, e noi invece stiamo ferme al nostro tavolino, nel pieno centro del dehors. Ci guardiamo e ridiamo, fortunate che siamo… e loro che credevano… Le amiche, sono belle le amiche che restano a chiacchierare come se nulla intorno accadesse, e parlano di sé, delle loro voglie, del […]

Share