La parola di oggi: Crema e Tabacco

La parola di oggi: Crema e Tabacco

crema e tabacco

Ezio ha la barba e ha scritto una lettera d’amore.
Ha impiegato almeno 5 brutte prima di usare il foglio color crema. Un foglio speciale. Leggero e sottile come le palpebre di un bebè. Ha eleganti decorazioni floreali e ha stagionato per dieci anni nell’ultimo cassetto della credenza, sotto la pipa che fu del babbo. Così adesso odora di tabacco.

Ezio ha riempito la pagina di ingenue parole d’amore, corrette nella grammatica ed eleganti nella grafia; le ha appoggiate lentamente, una dopo l’altra, sulle righe chiare stampate apposta per permettere alla scrittura un incedere ordinato su rette parallele. Non rimane che piegare il foglio e infilarlo nella sua busta che affrancherà e manderà a colei che gli ha rapito il cuore.

Ma Ezio deve rileggere un’ultima volta la lettera scritta sul foglio color crema e che odora di tabacco. E vuole assaporare il momento seduto sulla sua poltrona di pelle nera e con una tazzina di caffè.

Pizzica il piccolo manico fra l’indice e il pollice e prende il foglio color crema e che odora di tabacco. Va a sedersi sulla poltrona di pelle davanti alla finestra. Si emoziona guardando il foglio perfetto e che parla d’amore. Trema nel portarsi la bevanda alla bocca; lo gusta a piccoli sorsi e gli sembra di bere caffè e parole nello stesso momento: l’uno esalta il sapore delle altre. Ezio stacca il labbro dalla ceramica; non si accorge di un impavido rigolo di caffè che s’appende per qualche secondo alla estremità di un pelo bianco della barba.

La gocciolina rimbalza su e giù. Poi si stacca e rovinosa precipita al centro del foglio color crema, che, in un secondo, è diventato marrone e odora di caffè.

 

One Response

  1. Giorgio Giorgio ha detto:

    Epilogo non banale e questo fa aumentare le aspettative. L’imprevedibilità di una piccola goccia beffarda che distrugge una stagionatura di dieci anni e modifica irreparabilmente le intenzioni del messaggio è sinceramente un colpo di spettacolo brillante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *