luce e buio

Luce e buio

Sento il vetro dell’ennesima bottiglia incontrare quella appena abbandonata al proprio destino, di quel vuoto che qualche volte assomiglia, che spesso lascia spazio al prossimo anelito.

Ma a me non restano che quei suoni, che spesso sanno di antiche campane tibetane, con quell’inarrestabile vibrazione, la stessa che mi muove e mi agita, manco fossi anch’io uno strumento da cui scaturiscono certe note, certamente non perfettamente in armonia, ma comunque in cerca di un luogo a cui offrire la propria partecipazione.

So di essere goffo, forse anche per nulla elegante, con le mie movenze da selvaggio o volgare più o meno incapace.

Tuttavia, per grazia o per semplice esistere, mi offro all’agognante spettacolo, nella semplice speranza di aver un frammento di luce nel mio, quasi totale, buio.

Giuseppe.

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × 1 =