La parola di oggi: Legami

Prendo spunto, da un pezzo tratto dal romanzo Frankenstein di Mary Shelley che incollo alla fine dell’articolo. Come più o meno tutti sanno, il dott. Frankenstein, sconvolto dalla morte della madre, studia come instillare la vita a partire da coloro che l’hanno persa, riuscendo a generare un enorme essere dall’aspetto mostruoso. Terrorizzato dalla creatura a cui egli stesso ha dato la vita, si pente e la abbandona al suo destino. Ed ecco che il legame per eccellenza viene spezzato: il legame, mi viene da dire, fra padre e figlio. Un figlio che non riesce a rispondere alle aspettative del suo […]

Share

La parola di oggi: Lucirosseallinclusive.

Adoro la mia città, chi mi conosce lo sa bene. Adoro Torino in maniera imparziale, al limite dell’ossessione, e adoro tutto ciò che da essa nasce: architettura, letteratura, musica. Ah, la musica. Li ascolto proprio adesso, che sono in riva al mare. La musica batte negli auricolari al ritmo di qualche goccia d’acqua che proviene dal correre di un ragazzino su una tavola di legno colorato. Le canzoni si alternano fra momenti rock e spazi prolungati e languidi. Nessun fronzolo, nessun orpello. Nessun inutile virtuosismo. La musica è come Torino: bella ed essenziale. Distante, pulita, decisa. È strano, ma è […]

Share

La parola di oggi: tre (anni).

Ho imparato che bisogna guardare le cose da un diverso punto di vista per trovare delle soluzioni. Ho imparato che rammaricarsi del passato equivale a camminare con la faccia rivolta all’indietro. Che provare rancore è come prendere del veleno aspettando che muoia il nemico. Ho imparato che vivere significa rischiare, una sconfitta vale più di mille pareggi. Ho imparato che nell’equilibrio dell’universo, la mia vita vale esattamente quanto un’altra. Ho imparato che il proprio corpo è una cosa preziosa, non meno del proprio cervello. Ho imparato che dire “cacca” si può ed è lecito: persino Mozart sarebbe d’accordo. Ho imparato […]

Share

La parola di oggi: assenza

Sono cento giorni che te ne sei andata. No. La verità è che sono io che ti ho mandata via. Mi sono svegliata una mattina: la nausea nella testa e la decisione di scacciarti. La ferma decisione che non avresti più fatto parte della mia vita. Mai più. Tu, piccola creatura, avvelenavi e le mie giornate. Tu, che però le riempivi e a loro davi un senso. E mi riempivi di una densa nebbia grigia appoggiandoti sulle mie labbra, così calda e liscia. Un corpo lungo, sottile, bianco e una piccola cima bionda. Mi manca il tuo sapore. Mi manca […]

Share

Specchio specchio delle mie brame, chi è la più amata del reame?

E parliamo un poco di lui, il grandissimo Giacomo Casanova (1725-1798), parliamo di quell’opera divertentissima che è L’Histoire de ma vie, opera monumentale (tre volumi dei Meridiani, migliaia di pagine), che nella vita vale davvero la pena di leggere. Ne parleremo qui in più puntate. Oggi mi limito a un’introduzione leggera. Casanova è considerato, insieme a Don Giovanni, il grande SEDUTTORE, ed è stato a lungo detestato dalle donne, femministe in prima linea, che lo vedevano come uno sfruttatore. In  realtà, è vero il contrario e ve lo dimostrerò. D’altronde è lui stesso a rivelarcelo, l’idea del seduttore gli è […]

Share

Le streghe

Prendo spunto da un film molto divertente e dissacrante, spagnolo, del regista Álex de la Iglesia  dal titolo Le streghe son tornate che vi consiglio vivamente di andare a vedere. L’inizio è folgorante. Un Cristo argentato immobile sotto il peso di una croce di legno, anch’essa argentea, in una affollatissima piazza di Madrid che all’improvviso estrae dal perizoma un cellulare per rispondere a una chiamata. Da lì in poi un susseguirsi di situazioni esilaranti, anarchiche e intelligenti. Lascia un poco a desiderare il finale, ma lo si perdona. Riflessioni sul rapporto uomo/donna, moglie/marito, genitori/figli il tutto condito da un senso dell’umorismo […]

Share

La parola di oggi: generale (il)

IL GENERALE L’ accortezza d’un capace condottiero D’aver per anni combattuto Contro il solo fianco fiacco del rivale, Porta a sé immondo senso di vana messa. Se però s’accorge, ancora, Che il peggior corrotto Vive e munge dal suo seno, Lo sgomento si traspone in nefandezza. Che da un lato stette duro a provocare Uno sciocco dispendio d’energie e dall’altro a suscitare dannazioni per giorni, ore, anni e lustri gloriosi. Imminente è perciò il bisogno di mutare l’attempata strategia in qualcosa che si possa portar via con positiva e proficua rendita. Ma, se lo stesso generale, comanda e pone legge […]

Share

Sulla Libertà

la Libertà… Penso a una canzone di Giorgio Gaber che da ragazzina ascoltavo grazie a mio fratello. Mi è sempre sembrato un brano vero e oggi voglio riproporlo qui. La libertà non è star sopra un albero, | non è neanche il volo di un moscone, | la libertà non è uno spazio libero, | libertà è partecipazione. Si parla molto di Libertà, ma cosa sia, per ognuno di noi, è difficile definirlo. E allora eccovi qualche suggestione dai grandi autori. Forse  ce ne sarà una che fa per voi. L’uomo è condannato ad essere libero. (Jean-Paul Sartre) Io so […]

Share

Illuminante Bellezza

Succede così raramente di fare dei veri Incontri. In quegli istanti sembra che il mondo respiri, si dilati. E tu sei lì in bilico tra il riconoscimento e la sorpresa. Uno scambio di sguardi, o meglio di qualcosa che passa attraverso gli occhi, e che non è propriamente un vedere attraverso la vista, ma una sorta di “tocco”. Come se sottili dita sfiorassero il tuo cervello e negli occhi si formasse un’immagine nuova, magica. Così le gambe si muovono, e vai verso la persona che ancora inconsapevole ti ha chiamato. E siete lì, sorridenti, non si sa bene da quale […]

Share