Lasciati Guardare

Io, non ti vedo, ma tu, lasciati guardare, lascia che il sottile velo di polvere, invece di separarci, ci unisca, quando, con immenso volere, sfioro il centro perfetto della linea del tuo profilo. Lascia che i sensi della bellezza, si compiano, in atti di semplice necessità, delibera intenzione, ondeggiando, tra l’amo e l’esca, fino al sussulto più estremo, vibrante e dolcissimo. In me, batte un ritmo, tanto indipendente, quanto inarrestabile…e tu, se non ti accorgi, è solo per cecità.   Giuseppe Girardi

Share

Dove sei…Dove sei?

Non so ancora se ci sei, oppure tra le braccia di qualcun’altro? Dove sei…Dove sei? Questo tuo sorriso ancora splende, come uno zampillo di luce, freddo e fendente come lama, come un taglio sul volto, colmo di luce, profondo come la tua bocca, che tutto promette, tutto inghiotte… Sul fondo dei tuoi occhi, si svela un’ulteriorità inquieta, che seduce e agita, che attrae e strega, come d’innanzi ad un suonatore di flauto, incantatore di sinuosi e striscianti desideri, aizzati come criniere di cavalli impazziti, sul punto del prossimo volo, caduchi e rovinosamente rotolati sulle proprie illusioni, reali come ferite, ultimo segno di […]

Share

Specchio specchio delle mie brame, chi è la più amata del reame?

E parliamo un poco di lui, il grandissimo Giacomo Casanova (1725-1798), parliamo di quell’opera divertentissima che è L’Histoire de ma vie, opera monumentale (tre volumi dei Meridiani, migliaia di pagine), che nella vita vale davvero la pena di leggere. Ne parleremo qui in più puntate. Oggi mi limito a un’introduzione leggera. Casanova è considerato, insieme a Don Giovanni, il grande SEDUTTORE, ed è stato a lungo detestato dalle donne, femministe in prima linea, che lo vedevano come uno sfruttatore. In  realtà, è vero il contrario e ve lo dimostrerò. D’altronde è lui stesso a rivelarcelo, l’idea del seduttore gli è […]

Share

Jack e la nebbia di Londra

Whitechapel. Il mistero ancora impera. Nonostante le ricerche, le ipotesi, più o meno fantasiose, la figura di Jack the Ripper, lo Squartatore, continua a incuriosire il mondo. Come mai? non ci fanno orrore quei poveri corpi di donna? cosa c’è nel modus operandi del maniaco che continua a ispirare libri, film, fumetti? Una mente offuscata dal laudano? Una genia malata dovuta a consanguineità? O forse un pittore che dipinge con il sangue altrui? Non lo sapremo mai. L’epoca vittoriana rimane avvolta da un fascino profondo. La miseria e la malattia, e poco più in là, maggiordomi impeccabili ricevono su piattini […]

Share