Ginkgo 2

Ginkgo 2

Ancora due parole sulla pianta della stagione. Rieccomi ai giardini Cavour, seduta sulle panchine umide, con quel bell’effetto bagnaticcio quando ti alzi, illuminata dal sole del mezzodì, immersa in uno spy made in U.S.A, perché non sono riuscita a trovare l’ultimo volume della Recherche (devo finirlo da anni…) davanti a me ho visto sfilare, e rimirare e fotografare e commentare in svariate lingue il miracolo giallo del Gingko biloba dalle foglie a ventaglio. Ancora qualche fotografia: perdonate ma il mio cellulare, neanche mio in realtà bensì datomi in prestito, è un modello antico e fa quello che può.

Ho scoperto che anche Wolfgang Goethe non era immune al fascino di questo albero.

Eccovi i suoi versi tratti da Divano occidentale orientale.

Ginkgo biloba
“La foglia di quest’albero, affidato
dall’Oriente al mio giardino,
sensi segreti fa gustare
al sapiente e lo conforta.
È una cosa viva che
in se stessa si è divisa?
O sono due, che hanno scelto
le si conosca in una?
In risposta alla domanda,
il senso giusto l’ho trovato;
non avverti nei miei canti
che sono duplice e sono uno?”

161120141241611201412316112014122

 

One Response

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *